domenica 8 maggio 2011

Cannoli Siciliani per la mamma

Auguri a tutte le mamme della blogosfera e non! ;)
Oggi voglio proporvi un pasticcino per festeggiare la festa delle nostre mamme: “I Cannoli Siciliani”.
Quando si comprano i pasticcini ne prendiamo sempre 2 per mia madre, i classici cannoli non mancano mai nella guantiera per mia mamma. Lei è siciliana e beh lo sono anch’io che invece adoro “la Cassata” altro dolce spettacolare della Sicilia!   :P

Facendo delle ricerche ho scoperto una buffa storia sul nome dei cannoli che in passato prendevano questo nome proprio perché ricordavano i rubinetti dell’acqua che appunto vengono chiamati “Cannoli”.
Inoltre è un dolce nato per caso nel periodo di carnevale di molti decenni. Vorrei ricordarvi che avrei in mente di scrivere di tutte le storie dei dolci e altri piatti, (da notare che ho messo una pagina apposita, che ancora non ho scritto!  :D) ma purtroppo non ancora inaugurata, però vorrei poter postare un girono tra tante storie e tradizioni anche la storia del Cannolo Siciliano, per cui vi invito a visitare la pagina delle tradizioni più in la! ;)

Due sono le principali varianti dei cannoli, una delle quali prevede la farcitura di pistacchi di Bronte, l’altra invece canditi e cioccolato a pezzettini, chiaramente varia dai diversi paesi della regione Sicilia.
Alcuni prevedono l’aggiunta di cacao altri no.

Io vi propongo la variante al cacao con la farcitura di ricotta e pezzetti di cioccolato senza canditi, solo perché nelle pasticceria della mia zona “Puglia”, gli ho sempre visti e mangiati così, se non ricordo male non vengono spolverizzati di zucchero a velo, ma credo che noi possiamo permettercelo, anche la dove si dovessero coprire difetti, anche se credo che i cannoli debbano essere così, diciamo leggermente mostriciattoli o più carinamente dire “imperfetti”. Inoltre in Sicilia li fanno molto più grandi, le ricette prevedono l’utilizzo di un taglio di pasta di 10 cm per lato. Io invece propongo quelli più piccoli, in modo che siano più carini, eleganti e non diventi un impegno gustarlo, ma piccoli momenti di piacere. ;)


 Ricetta presa dal mio ricettario (Quaderno di cucina “Dolci” – De Agostini)
Il ricettario con queste stesse dosi di farina ne fa uscire 10 grandi e devo dire che sbaglia con le dosi della ricotta, infatti l’ho modificata ed adattata. Io ho ridotte le dimensioni di 8 cm per lato, molto più carini e me ne sono venute 24 ma devo ammettere che non sono pratica nella frittura (ma solo perché non friggo mai) e quindi ne ho persi 2 in guerra  :D  e altri 2 si sono aperti perché non volevo unirli con l’uovo sbattuto, poi ho dovuto utilizzarlo! E devo dire che è meglio così perché il ripieghino mi è bastato per soli 20 pezzi. Gli altri due si sono adeguati ahahah 

Consigli: E’ una ricetta che non richiede tempo, però vi consiglio di prepararli il giorno prima l’impasto e friggere le cialde e il giorno stesso che dovete servirli, preparare la farcitura e riempirli per evitare che la ricotta umidifichi la croccante cialda e sarebbe un vero peccato! Così potete anche scolare la ricotta in frigo la notte, in un colino posto su di un piatto. ;)


Ingredienti per 24 cannoli
Per le cialde (involucri, detti “Scorce”)
300 gr di farina
1 cucchiaio di cacao
30 gr di zucchero
60 ml di marsala, cioè un bicchiere scarso circa (in mancanza va bene anche un bicchiere scarso di vino bianco)
30 gr di burro
1 pizzico di sale
Per Friggere
Olio (la quantità dipende dalle dimensioni della vostra padella, ne serve fino ad immergerli completamente)
1 uovo sbattuto per legare l’impasto
PS: (Vi servono dei cannelli metallici per uso alimentare)

Per Farcire e Decorare
600 gr di ricotta di pecora
300 gr di zucchero
90 gr di cioccolato fondente tritato (metterne da parte 2 cucchiai per la decorazione, scegliere i pezzi più grandi)
Canditi per decorare (2 cucchiai)


Procedimento
Per le cialde
Prendere una terrina e unirvi la farina setacciata con lo zucchero,il cacao. Al centro fare un buco e mettervi il burro a pezzi e impastare aggiungendo un po’ per volta il marsala fino ad ottenere un impasto elastico ed omogeneo. Formare un panetto appiattendolo un po’ con le mani e farlo riposare in frigo per mezz’ora. (Il ricettario dice di non utilizzare il frigo ma un luogo fresco, ma io a parte il frigo non ho di meglio!)
Riprendete l’impasto e lavoratelo per qualche minuto e riponete allo stesso modo di prima nel frigo per un ultima mezzora.
Riprendere l’impasto e stendetela di 2 mm precisi così. Non fatela troppo grossa perché in cottura si indurisce e tede a gonfiare. Ritagliate tanti quadrati fino a esaurimento dell’impasto di 8 cm per lato.
Prendete i cannelli metallici e con una goccia di olio oleate, ma proprio non deve notarsi, così da evitare che si attacchino, potete farlo con la punta del dito intingendolo nell’olio.
Arrotolate la pasta obliquamente, come fossero rombi, sui cannelli e congiungete le estremità delle due punte con una spennellata piccola di uovo sbattuto (potete utilizzare anche un albume).
Molti consigliano di non stringere troppo la pasta intorno ai cannelli perché devono gonfiare, ma io ho notato che gonfiano ugualmente e che a lasciare spazio si sformano ed aprono.

Per friggere
Riscaldate l’olio e friggete per pochi istanti, tempo di scurirsi e creare alcune bollicine.
Metterli su carta assorbente e lasciateli raffreddare, togliendo delicatamente i cannelli perché potrebbero sbriciolarsi.

Per la farcitura
Raffinate la ricotta con un colino, però vi giuro che è snervante perchè non scende mai e quindi io ingegnosa vi consigli odi utilizzare uno schiacciapatate. Mescolate con una spatola di legno e amalgamare con lo zucchero. Incorporate bene e aggiungere il cioccolato fondente tritato.
Potete prendere le vostre cialde e riempirle con l’aiuto di un cucchiaino.
Se preferite decorate con gocce di cioccolato e/o canditi E GUSTATE!! :P

Conservare in frigo, come i pasticcini freschi!

11 commenti:

  1. Ciao! Sei pugliese anche tu? Io sono della provincia di Lecce (di Gallipoli, per l'esattezza) anche se vivo fuori da un po' di annetti. Sono capitata qui per caso ed ora, se permetti, mi guardo un po' intorno :-)

    RispondiElimina
  2. Dimenticavo: questi cannoli sono favolosi! Bravissima!!!

    RispondiElimina
  3. bravissima, davvero deliziosi!!auguri alla mamma!baci!

    RispondiElimina
  4. @ Lucia che piacere trovare qualcuno di "relativamente vicino", perchè rispetto ad altre food blogger siamo vicine. Hai detto però di vivere fuori, che peccato! :( Comunque è vero siamo pochissimi ed io sono semrpe così entusiasta di trovaer qualcuno come te di qui vicino e così simpatica come te che ti entusiami come me all'idea di scoprire qualche Pugliese! Sei la benevnuta! ;)

    @Federica: grazie per la visita Fede! ;)

    RispondiElimina
  5. questo è uno di quei dolci che mi riprometto sempre di fare nel primo istante libero per far felice la mia dolce metà! ma ancora non ci riesco....
    grazie per partecipare al mio giveaway e in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  6. Buoni! Passavo di qui e intanto mi sono unita ai tuoi lettori fissi, ciao SILVIA

    RispondiElimina
  7. Bellissimi: i cannoli sono assolutamente meravigliosi! Ciao dalla sicilia

    RispondiElimina
  8. sei davvero molto brava in cucina..complimenti!!
    posso suggerirti un concorso: http://www.santacristina1946.it/communityandsocial
    l'ho trovato sul sito web del Santa Cristina..
    te che sei così brava potresti partecipare!! :)

    RispondiElimina
  9. I cannoli siciliani sono fantastici!!!
    Complimenti per il bellissimo blog!
    Se passi dal mio blog c'è un premio per te.
    Ciao ciao!

    RispondiElimina

Il vostro commento mi renderà felice!
Se ti piace il mio blog, seguimi! Registrati tra i "follower me" ;)